Riassunto: specifiche disposizione di legge lettera k)

8 01 2011

Sono sempre più le voci che rientrano nella lettera k) dell’art. 17 comma 2 del Ccnl 1.4.1999 al fine dell’incremento del fondo delle risorse decentrate degli enti locali.

Tra le tematiche più spinose non sono state ancora totalmente risolte quelle relative a:

– contribuzione previdenziale

– irap

– spese di personale.

Chiara Gazzolo, che ringrazio vivamente, ha redatto una tabella riassuntiva contenente tutti i riferimenti normativi ed interpretativi sulle varie situazioni inerenti a:

– Progettazioni interne

– Condono

– Ici e tributi

– Rilevazioni Istat

– Avvocatura interna

– Diritti di rogito.

Ferma restando la possibilità di pensarla nonostante tutto in maniera diversa, mi sembra un ottimo lavoro.

ALLEGATO: RIEPILOGO SPECIFICHE DISPOSIZIONI DI LEGGE



I dubbi di fine anno

18 12 2010

Questa volta faccio un mero (e divertente) copia-incolla.

L’amico Augusto del Comune di Sant’Angelo in Vado ha steso un’ordine del giorno dei dubbi di fine anno (che probabilmente lo saranno anche ad inizio anno).

In forma allegra e scherzosa sono elencate le questioni in sospeso in materia di gestione del personale degli enti locali con alcune possibili soluzioni.

Utilizzo del mezzo proprio, adeguamenti contrattuali, turn-over, mobilità, progressioni orizzontali sono solo alcuni degli argomenti trattati.

Il lavoro mi sembra ben fatto e riesce pure a rendere simpatiche alcune situazioni legislative ed interpretative a dir poco imbarazzanti.

Buona lettura

ALLEGATO: I DUBBI DI FINE ANNO



Reperibilità e Decurtazione della malattia

27 08 2010

Ecco una tabella che riassume l’attuale situazione sulla reperibilità e sulla decurtazione dei primi dieci giorni per malattia.

Ringrazio Chiara Gazzolo del Comune di Sestri Levante per avermela trasmessa.

FATTISPECIE REPERIBILITA’ NELLE FASCE DECURTAZIONE PRIMI 10GG
Infortunio No No
Malattie per le quali sia stata riconosciuta la causa di servizio No No
Ricovero ospedaliero e convalescenza conseguente No
Day hospital e convalescenza conseguente No
Terapie salvavita No No
Stati patologici sottesi o connessi alla situazione di invalidità riconosciuta No


Posizioni organizzative: schema di pesatura

26 07 2010

Prima di poter assegnare una retribuzione di posizione è necessario “pesare” le aree dell’ente locale.

Allego un esempio di pesatura, estremamente semplice, adatto sicuramente agli enti di piccola dimensione.

Va da sè che le singole voci o le fasce possono essere modificate dalle singole amministrazioni.

ALLEGATO: SCHEDA SEMPLICISSIMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI



Nuovo schema per la costituzione e utilizzo del fondo

20 05 2010

Finalmente anche la Ragioneria Generale dello Stato ha rivisto la Tabella 15 del Conto annuale con la suddivisione delle somme tra fisse e variabili per quanto riguarda l’entrata. Ha inoltre tolto i riferimenti alle normative ormai disapplicate.

Ugualmente nella parte di utilizzo ha utilizzato il confronto tra le voci “storiche” e quelle che vengono definite “di anno in anno”.

Un passo avanti.

Per l’occasione e anche grazie ai suggerimenti dei colleghi incontrati in queste giornate di formazione, ho rivisto la precedente Bozza di schema per la costituzione e utilizzo del fondo che avevo già inserito nel sito e che utilizzavo ormai da qualche anno.

Questa mi sembra completa ed in linea con la Tabella 15.

ALLEGATO: BOZZA FONDO DOPO LA NUOVA TABELLA 15 DEL CONTO ANNUALE



Invio Contratto Integrativo ad Aran e Cnel

6 05 2010

Riporto di seguito una bozza di lettera per la trasmissione della documentazione relativa al Contratto integrativo decentrato all’Aran e al Cnel.

 

 

 

All’addetto all’invio tramite

posta certificata

 

OGGETTO:     Contratto collettivo decentrato integrativo anno …………..

In relazione a quanto disposto dall’articolo 4 del CCNL 22 gennaio 2004 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali e dall’art. 40-bis del D.lgs. 165/2001 così come modificato dal D.lgs. 150/09 si trasmette copia del Contratto Collettivo Decentrato Integrativo di destinazione delle risorse decentrate per l’anno ………………..

 Si allega altresì copia della seguente documentazione:

a) relazione illustrativa tecnico finanziaria delle risorse decentrate disponibili e delle modalità di utilizzo;

b) certificazione del Collegio dei Revisori in data ……………………………………….;

c) copia della deliberazione di autorizzazione alla sottoscrizione definitiva del CCDI adottata dalla Giunta Comunale n. ……………….. in data ……………………………………….

 Si chiede di trasmettere quanto sopra all’Aran e al Cnel con le seguenti modalità.

 Invio all’Aran:

E’ stata attivata, per l’invio telematico della documentazione concernente i contratti integrativi, ai sensi dell’art. 40-bis comma 5 del d.lgs. 165/2001, come modificato dall’art. 55 d.lgs. 150/2009, l’apposita casella di posta elettronica certificata contratto.integrativo@pec.aranagenzia.it  ove trasmettere la documentazione, avendo cura di riportare nel corpo del messaggio le seguenti informazioni:

          o nome dell’amministrazione

          o comparto di appartenenza

          o periodo di vigenza contrattuale

          o nome, recapito telefonico e indirizzo di posta elettronica di un referente

Invio al Cnel:

Utilizzo del seguente indirizzo di posta elettronica: trasmissionecontratti@cnel.it 

 Cordiali saluti.

 IL RESPONSABILE



Il controllo sul lavoro flessibile – Invio al nucleo

17 04 2010

In un ente in cui sono membro del nucleo di valutazione, mi è stata trasmessa la scheda che allego. Si tratta del controllo sull’abuso del lavoro flessibile e degli incarichi esterni introdotta all’art. 36 comma 3 del D.lgs. 165/2001.

Al fine di combattere gli abusi nell’utilizzo del lavoro flessibile, entro il 31 dicembre di ogni anno, sulla base di apposite istruzioni fornite con Direttiva del Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione, le amministrazioni redigono, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, un analitico rapporto informativo sulle tipologie di lavoro flessibile utilizzate da trasmettere, entro il 31 gennaio di ciascun anno, ai nuclei di valutazione o ai servizi di controllo interno di cui al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 286, nonché alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della funzione pubblica che redige una relazione annuale al Parlamento. Al dirigente responsabile di irregolarità nell’utilizzo del lavoro flessibile non può essere erogata la retribuzione di risultato.

Come sappiamo la Funzione pubblica sta predisponendo il sito per il monitoraggio diretto. I dati vanno anche trasmessi al nucleo di valutazione e ai sistemi di controllo interno.

Quanto allego mi sembra, in attesa di ulteriori istruzioni, un buon modello operativo.

ALLEGATO: TRASMISSIONE AL NUCLEO – ASSUNZIONI FLESSIBILI ANNO 2009



Uno studio sulla Riforma Brunetta

30 03 2010

Ho ricevuto e pubblico con estremo piacere, uno studio fatto dal Comune di Sant’Angelo in Vado sull’entrata in vigore della Riforma Brunetta. Mi sembra un ottimo lavoro!

Si tratta di alcuni incontri che sono stati organizzati a livello di ente tra i vari responsabili dei diversi settore. Magari anche altri enti possono prendere spunto per simili attività.

Il Dott. Sacchi Augusto, che ringrazio, mi ha quindi autorizzato la pubblicazione per una condivisione con tutti.

ALLEGATO: STUDIO SULLA RIFORMA BRUNETTA



Art. 15 comma 2. Un incremento sempre difficile.

28 03 2010

Allego un’esperienza sull’utilizzo dell’art. 15 comma 2 che spesso gli enti utilizzano ormai in maniera consolidata nonostante l’art. 31 del Ccnl 2004 l’abbia inserito tra le risorse di natura variabile da verificare di anno in anno.

 

RICHIESTA AL NUCLEO

              Ai Componenti Nucleo di Valutazione  

Oggetto: Richiesta accertamento  ai sensi dell’art. 15, comma 4, ccnl 1/04/1999.

             Secondo quanto previsto dalla norma contrattuale richiamata in oggetto e  al fine di rendere disponibili, per la costituzione/destinazione risorse decentrate anno ____,  gli importi ex art. 15, comma 2 ccnl 1/04/1999 (1,2% monte salari 1997), pari complessivamente ad € _______, si chiede a codesto nucleo di valutazione di voler procedere all’accertamento in questione. Per completezza si comunica che le somme risultano stanziate nel bilancio dell’esercizio di competenza e che nell’anno ____ sono stati avviati processi di razionalizzazione e riorganizzazione di attività, di cui se ne riportano di seguito alcuni esempi,  che hanno determinato entrate/minori spese.

 –         Accorpamento in unica funzione dirigenziale della gestione del settore territorio per anni facente capo a due dirigenti con conseguente risparmio del costo di un dirigente;

–         Assolvimento della funzione di Dirigente Amm.ne Generale e Servizi alla persona in capo al Segretario Generale, senza ulteriori spese per trattamento economico aggiuntivo;

–         Razionalizzazione incarichi di posizione organizzativa con costruzione di centri di responsabilità compiuti/conchiusi limitando la parcellizzazione delle attività/responsabilità con conseguente miglioramento organizzativo e di produttività;

–         Attivazione controllo e ottimizzazione utenze varie (telefoniche, energia elettrica, riscaldamento, acqua), con risparmio  certificato dal controllo di gestione, per l’importo di € __________;

–         Costituzione servizio di recupero crediti; sono stati messi in mora nr. 81 posizioni. Sono state chiuse nr. 36 posizioni. L’importo sollecitato è di € _____________. L’importo riscosso è risultato pari ad € __________.

             Distinti saluti.

RISPOSTA DEL NUCLEO

Al Comune di _____________

 Oggetto: Accertamento ex art. 15, comma 4, ccnl Regioni-Autonomie Locali del 1/04/1999.

 

 VISTO e Richiamato l’art. 15, comma 4, ccnl Comparto Regioni-Autonomie Locali del 1/04/1999;

 Vista la richiesta per l’accertamento  di competenza, ai sensi della norma sopra citata, prot. n. ________ del _______, pervenuta dall’Ufficio Personale del Comune di _______, ai fini dell’inserimento delle risorse aggiuntive, pari a € ______, nel fondo delle risorse decentrate ex art. 31 ccnl 22/01/2004, per l’anno ____;

 Preso atto della descrizione  prodotta dal medesimo ufficio in ordine ai processi di razionalizzazione e riorganizzazione di attività avviati dall’Ente;

 ACCERTA

 La disponibilità di bilancio delle somme sopra indicate  creata attraverso processi di razionalizzazione e riorganizzazione delle attività.

 __________, __________

Il Presidente del Nucleo di valutazione ____________________________

I Componenti del nucleo di valutazione ____________________________



Fondo risorse decentrate: un'altra bozza

28 02 2010

Allego un’altra bozza di costituzione ed utilizzo del fondo delle risorse decentrate. Ricalca la tabella 15 del Conto annuale.

ALLEGATO: COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL FONDO RISORSE DECENTRATE ENTI LOCALI