Ancora sulla riduzione del fondo: RGS e Corte dei Conti

Ho già scritto diverse volte di quello che penso sulla riduzione del salario accessorio nel 2015 alla luce della seconda parte dell’art. 9 comma 2-bis. In modo particolare, in questo commento (https://www.gianlucabertagna.it/2015/11/10/il-fondo-e-la-somma-delle-decurtazioni/) ho esaminato, con un esempio, l’insostenibilità che si debba consolidare la somma delle decurtazioni del quadriennio 2011-2014.

Mi hanno però chiesto un altro intervento, dopo le Deliberazioni n. 379/2015 della Corte dei conti della Lombardia e n. 139/2015 della Corte dei conti dell’Emilia Romagna.

In sintesi:

– La Ragioneria Generale dello Stato, nella Circolare n. 20/2015, ha affermato che la decurtazione del 2015 è pari a quella del 2014;

– La Corte dei conti ha più volte parlato di “somma delle decurtazioni degli anni 2011-2014”.

E questo è stato spesso commentato come un contrasto interpretativo rilevante e insuperabile.

A me, non sembra. Io credo che la Corte dei conti non si discosti di molto da quanto sostenuto dalla Ragioneria Generale dello Stato. Sono due modi di conteggio diversi e lo sono sempre stati da cinque anni. La Corte ha sempre suggerito di fare di anno in anno un calcolo sui mesi di servizio dei dipendenti, la RGS una verifica su base annua rispetto al 2010.

La mia convinzione che le due tesi non si allontanino di molto, deriva, soprattutto dalla spiegazione che la Corte dei conti della Puglia ha dato di questa “somma delle decurtazioni”, nella Deliberazione n. 97/2015.

Ecco qua l’estratto chiave:

In sostanza, esemplificando, se il fondo quantificato in base alle regole dei vigenti Ccnl, senza considerare le riduzioni successivamente disposte dalla legge, era pari a 100 e ci sono state riduzioni pari a 2 nel 2011 (fondo pari a 98), pari a 4 nel 2012 (fondo pari a 94), pari a 3 nel 2013 (fondo pari a 91) e pari a 5 nel 2014 (fondo pari a 86), a partire dall’1 gennaio 2015, considerando le riduzione dell’intero periodo 2011/2014 (pari a 14) e non la riduzione del solo esercizio 2014 (pari a 5), venuti meno (alla data del 31/12/2014) i precedenti obblighi di non superamento del fondo 2010 e di riduzione proporzionale alla riduzione del personale in servizio, il fondo sarà pari a 86 (decurtando al fondo calcolato secondo le regole dei Ccnl pari a 100 la somma delle riduzioni operate nel periodo 2011/2014 pari a 14 e non la sola decurtazione applicata nel 2014 pari a 5).

Pur essendo venuti meno, alla data del 31 dicembre 2014, i precedenti obblighi di non superamento del fondo 2010 e di riduzione proporzionale alla riduzione del personale in servizio, restano comunque fermi i vigenti limiti in tema di spesa del personale (es. art.1, commi 557 e seguenti, della legge n.296/2006). Il fondo quantificato a partire dall’1 gennaio 2015 (nell’esempio pari a 86) costituisce, quindi, il nuovo tetto massimo per le risorse annualmente destinate al trattamento economico accessorio, in sostituzione del limite massimo individuato dalla stessa norma in esame, fino al 31 dicembre 2014, nel corrispondente importo dell’anno 2010. La decurtazione operata (nell’esempio pari a 14) è permanente e non può essere più recuperata.

La RGS, invece, dice: si prende il taglio fatto nel 2014, il quale, però, ricordiamo, che è già la somma dei tagli dal 2011 al 2014 e quindi, nell’esempio, sarebbe pari a 14 (uguale alla Corte dei conti). Più o meno è l’esempio che ho proposto qualche settimana fa nel post sopra richiamato.

Il resto, per me, è solo allarmismo.

Print Friendly, PDF & Email

3 pensieri su “Ancora sulla riduzione del fondo: RGS e Corte dei Conti

  1. Andrea dice:

    Negli ultimi due anni non avevo potuto prevedere le somme art. 15 comma 2, quest’anno con la spesa per il personale avevo capienza ma come faccio ad alzare il fondo rispetto al 2014 a parità di dipendenti?

  2. Francesco dice:

    Una domanda, non del tutto in tema ma valida in generale.

    Quali sono le conseguenze del fatto che l’Amministrazione (di un ente locale) rifiuti di costituire il Fondo entro il corrente anno 2015? Se il Fondo 2015 viene costituito nel 2016 che succede?

    Grazie mille se vorrà rispondermi.

  3. fiorella dal canto dice:

    buongiorno, sono una sindacalista che ha pensato di rivolgere a lei la presente richiesta:
    In uno dei comuni della toscana ho rilevato in questi giorni che la il funzionario addetto alla costituzione del fondo 2015 non ha provveduto ad integrare il fondo omettendo di applicare l’art. 15 c.2 del CCNL . Tale omissione ha comportato che la costituzione del fondo 2016 comportasse la prevista riduzione in virtù della applicazione dell’art. 9 2 bis del D.lgs.vo n’ 78/10
    Le sarei grata se gentilmente può indicarmi come aggredire tale comportamento e se invece non sarà più possibile intervenire in ragione della ormai chiusura di bilancio 2015. e se invece ci siano altre soluzioni perchè possa intervenire. la ringrazio anticipatamente e la saluto cordialmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × 1 =