La quota limitata delle progressioni orizzontali

Come noto, una delle questioni più delicata in materia di progressioni economiche (orizzontali) è quella relativa alla “quota limitata di dipendenti” prevista dall’art. 16 del CCNL 21 maggio 2020. Riportando il pensiero della Ragioneria Generale dello Stato confermato dal Dipartimento della Funzione Pubblica e mai smentito dall’Aran, quota limitata significa “non più del 50% degli aventi diritto ciascun anno”.

Recentemente è stata diffusa la Sentenza n. 288/2020 della Corte dei conti della Toscana la quale ha, invece, affermato che le progressioni economiche orizzontali si possono ritenere legittime se destinate a non più del 35% dei dipendenti.

La differenza non è di poco conto: la RGS fa riferimento al 50% degli aventi diritto, la Corte dei conti al 35% dei dipendenti.

Fermo restando che a parere di chi scrive la Sentenza della Corte dei conti è riferita a norme precedenti, al CCNL 31.3.99 e al DPR 333/90 e ha a che fare con un caso specifico, per chi volesse, invece, seguire contestualmente sia l’orientamento della magistratura contabile che della RGS, saranno necessarie un po’ di verifiche.

Esempio 1.

Dipendenti Totali: 100

Aventi diritto: 80

Numero massimo progressioni orizzontali possibili nell’anno:

Per la Corte dei conti: 35

Per la RGS: 40

Per prudenza si prende il valore di 35

 

Esempio 2.

Dipendenti Totali: 100

Aventi diritto: 60

Numero massimo progressioni orizzontali possibili nell’anno:

Per la Corte dei conti: 35

Per la RGS: 30

Per prudenza si prende il valore di 30

Print Friendly, PDF & Email

Un pensiero su “La quota limitata delle progressioni orizzontali

  1. emanuele bonanomi dice:

    Buongiorno Dott. Gianluca Bertagna, alcuni mesi fa’ le avevo sottoposto dei quesiti in materia del Personale di un Comune…, scusi se la disturbo nuovamente potrebbe darmi un chiarimento:
    1 – con incarico affidato ad un Ragioniere di cui all’art. 557 – comma 1 della Legge n. 311/2004 – Responsabile del Servizio Economico/ Fin.rio allo stesso spetta l’indennita’ piena di posizione e di risultato ? evidenzio che lo stesso e’ gia’ P.O nell’Ente di appartenenza e percepisce gia’ l’indennita’ di posizione e di risultato, lo stesso nell’anno 2019 e’ anche stato nominato Vice- Segretario dell’Ente con regolare decreto del Sindaco, la cosa e’… fattibile oppure contrasta con la normativa vigente?
    Resto in attesa di sue determinazioni in merito a quanto suesposto e con l’occasione invio cordiali saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro + sei =