Una maggiorazione del premio anche per le PO?

Sulla base del recente orientamento applicativo ARAN CFL 126 è tornata “urgente” la discussione sul premio individuale dei dipendenti individuato all’art. 69 del CCNL 21 maggio 2018. Va anche detto che l’art. 30 comma 2 del CCNL 17 dicembre 2020 dei dirigenti ha confermato un meccanismo simile.

Ma per le posizioni organizzative?

In un mio recente articolo su Norme & Tributi Plus NT+ Enti Locali & Edilizia ho sostenuto che “al momento attuale un meccanismo simile non è previsto per le posizioni organizzative. Nulla vieta però che, in sede di contrattazione integrativa al momento dell’individuazione dei criteri di riparto della retribuzione di risultato, si prevedano procedure simili”.

Un’idea che mi piace riprendere anche qui: l’art. 7 comma 4) lettera v) del CCNL 21 maggio 2018, infatti, afferma che sono oggetto di contrattazione “i criteri generali per la determinazione della retribuzione di risultato dei titolari di posizione organizzativa”.

Se si possono contrattare tali criteri nulla vieta, e appare anzi interessante, a mio parere, che un criterio di erogazione sia proprio quello di prevedere differenziazioni di premi per le posizioni organizzative che ricevono i punteggi più elevati

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sette − 6 =