Libro su fondo risorse decentrate

  E’ stato pubblicato da Edk il libro “Il Fondo degli enti locali”.

  E’ possibile ordinarne una copia all’indirizzo info@edkeditore.it  beneficiando dello sconto del 10% sul prezzo di copertina; è però necessario indicare il diritto alla sconto e la dicitura: “Convenzione Publika-Edk”.

   Di seguito l’indice.

 

 1. LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA: ASPETTI GENERALI        

1.1. Premessa 

1.2. Il testo unico del pubblico impiego           

1.2.1. La quota prevalente      

1.2.2. L’integrazione del fondo per gli enti territoriali   

1.3. Fondo ed onnicomprensività della retribuzione     

1.4. Fondo e spese di personale         

1.5. Brevi considerazioni sul contenimento della spesa di personale     

1.5.1. Le regole per gli enti soggetti a patto di stabilità 

1.5.2. Le regole per gli enti non soggetti a patto di stabilità      

1.5.3. La disapplicazione delle deroghe           

 

2. LE REGOLE PER GLI ENTI LOCALI     

2.1. Premessa 

2.2. Le modifiche della Riforma Brunetta alla contrattazione integrativa           

2.3. Il blocco del fondo dopo il Dl n. 78/2010: Aspetti generali e rinvio          

2.4. Il fondo degli enti locali    

2.5. La procedura per la costituzione e l’utilizzo del fondo       

2.6. La relazione illustrativa tecnico – finanziaria          

2.7. I controlli sulla contrattazione integrativa decentrata         

 

3. LE RISORSE STABILI     

3.1. Il monte salari      

3.2. Altre questioni propedeutiche       

3.3. Unico importo consolidato (Risorse ante 2004)   

3.3.1. Riduzione del 3% delle somme destinate al pagamento dello straordinario         

3.3.2. Incremento art. 48 del Ccnl 14.09.2000           

3.4. Incrementi del Ccnl 22.01.2004   

3.4.1. L’incremento per le alte professionalità 

3.5. Incrementi del Ccnl 09.05.2006   

3.6. Incrementi del Ccnl 11.04.2008   

3.7. Incrementi del Ccnl 31.07.2009   

3.8. Riepilogo: un fondo altalenante     

3.9. Incremento art. 15 comma 5 per incremento dotazione organica  

3.10. Ria ed Assegni ad personam dei cessati.

3.11. La riduzione del fondo stabile ante Dl n. 78/2010          

3.11.1. .Il personale Ata         

3.11.2. Le nuove posizioni organizzative         

3.11.3. Le esternalizzazioni con riduzione della dotazione organica      

3.12. Altri incrementi del fondo           

3.12.1.L’incremento sulla quota dell’indennità di comparto

3.12.2. L’incremento per le progressioni orizzontali     

3.12.3. La cessazione del dipendente e le progressioni orizzontali       

3.13. La costituzione del fondo in un nuovo ente         

 

4. LE RISORSE VARIABILI

4.1. Premessa 

4.2. Sponsorizzazioni – Art. 15 lettera d) e Art. 4 comma 4 del Ccnl 05.10.2001       

4.3. Le economie da tempo parziale – Art. 15 lettera e)          

4.4. Specifiche disposizioni di legge – Art. 15 lettera k)          

4.4.1. Progettazioni interne      

4.4.2. Potenziamento ufficio tributi      

4.4.3. Avvocatura interna        

4.4.4. Altre casistiche  

4.4.5. Il mancato rispetto del patto e gli incrementi lettera k)   

4.5. Incrementi art. 15 comma 2         

4.6. Incrementi art. 15 comma 5         

4.6.1. Art. 15 comma 5 e attività fuori orario di lavoro

4.7. Risorse variabili: incrementi da Ccnl successivi al 2004    

4.7.1. Incremento Ccnl 09.05.2006    

4.7.2. Incremento Ccnl 11.04.2008    

4.7.3. Incremento Ccnl 31.07.2009    

4.8. La questione del 3,2% e gli effetti sul fondo         

4.9. I proventi delle violazioni del codice della strada  

 

5. IL BLOCCO DEL SINGOLO DIPENDENTE     

5.1. Premessa 

5.2. Le eccezioni al blocco      

5.3. Il trattamento fondamentale          

5.4. Le progressioni di carriera

5.5. Le progressioni orizzontali

5.6. Il trattamento accessorio  

5.6.1. Il lavoro straordinario    

5.6.2. L’indennità di turno       

5.6.3. L’indennità di reperibilità           

L’indennità di maneggio valori. 

5.6.4. L’indennità di vigilanza e di pubblica sicurezza.  

5.6.5. Le indennità delle educatrici delle scuole materne e degli asili nido.        

5.6.6. L’indennità di rischio e di disagio.          

5.6.7. La retribuzione di posizione degli incaricati di posizione organizzativa.

5.6.8. Le specifiche responsabilità di cui alla lettera i) dell’articolo 17 del C.C.N.L. 1/4/99     

5.6.9. Le indennità per specifiche responsabilità di cui alla lettera f) del C.C.N.L. 1/4/99        

5.6.10. I compensi collegati a specifiche disposizione di legge.

5.6.11. La retribuzione di risultato e i compensi di produttività 

5.7. Il parere della Ragioneria Generale dello Stato     

 

6. IL BLOCCO E LA RIDUZIONE DEL FONDO  

6.1. Premessa 

6.2. L’ammontare complessivo delle risorse destinate.

6.3. L’aggregato

6.4. La riduzione del fondo     

6.5. L’opinione della funzione pubblica.           

6.6. L’interpretazione della Ragioneria Generale dello Stato    

6.7. Il calcolo della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome        

6.8. Una nuova proposta applicativa   

6.8.1. Una premessa   

6.8.2. Due suggerimenti          

6.8.3. Una possibile procedura           

6.8.4. Gli equilibri del fondo    

6.8.5. Prima ipotesi: fondo 2010 costituito da sole risorse stabili.        

6.8.6. La riduzione della parte variabile           

6.8.7. Seconda ipotesi: fondo 2010 costituito da risorse stabili e variabili        

 

7. CONCLUSIONI   

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × tre =