Le spese del personale delle società

La Corte dei conti della Lombardia rivede una posizione ormai consolidata da qualche anno all’interno delle proprie deliberazioni.
Stiamo parlando della riduzione di spesa di personale in valore assoluto rispetto all’anno precedente così come previsto dall’art. 1 comma 557 della legge finanziaria 2007.
Secondo i giudici contabili lombardi, l’ente locale avrebbe dovuto aggiungere alle proprie spese di personale anche quelle della società in house.
Su tale aspetto ho sempre evidenziato dei dubbi. Infatti, ai sensi del comma 557, nel calcolo delle spese dei comuni vanno inserite esclusivamente quelle dei soggetti che svolgono attività lavorativa presso le società senza estinzione del rapporto di pubblico impiego, ma non anche quelle dei dipendenti assunti direttamente dalle partecipate.
Ora, con la deliberazione n. 447/2013, la Corte dei conti della Lombardia rivede le proprie posizioni precedenti propendendo per l’esclusione dal calcolo di riduzione in valore assoluto dei dipendenti assunti direttamente dalle società.
Consiglio la lettura di tale deliberazione, in quanto contiene anche diversi spunti in materia di limitazioni e capacità assunzionali delle società in house.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 + sette =