Le bozze di Contratto Integrativo Decentrato

Come era prevedibile, dopo la stipula del CCNL 21.05.2018, le organizzazioni sindacali stanno proponendo alle amministrazioni delle bozze di piattaforma per la stipula del Contratto integrativo decentrato. E la cosa è certamente positiva fino a quando aiuta gli operatori e gli enti ad approfondire le tematiche correlate al nuovo CCNL.

Quello che mi preoccupa è vedere, in alcune di queste bozze, che vengono trattate delle materia IN CONTRATTAZIONE, mentre sarebbero esclusivamente oggetto di CONFRONTO.

Ad esempio, ricordo, che non vanno trattati in sede di contrattazione i criteri generali del sistema di valutazione, i criteri per la nomina e la revoca delle posizioni organizzative e i criteri per la graduazione (o pesatura) delle aree. Queste materie non possono trovare spazio in un contratto decentrato perchè sono invece oggetto di CONFRONTO.

Ma anche, ad esempio, l’articolazione delle tipologie dell’orario di lavoro non è oggetto di accordo con i sindacati, ma di confronto.

Insisto: se c’è una cosa chiara di questo CCNL è aver riscritto le relazioni sindacali, cancellando quelle del passato. Quindi, è il momento di partire con la massima trasparenza e correttezza.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 + due =