Conto Annuale: ecco la Circolare e le Tabelle

Finalmente è uscita la Circolare sul conto annuale (https://www.rgs.mef.gov.it/VERSIONE-I/in_vetrina/dettaglio.html?resourceType=/VERSIONE-I/_documenti/in_vetrina/elem_0320.html). Scadenza per l’invio delle Tabelle: 31 luglio. Forse, si poteva fare meglio. Lo scorso anno, con il Conto annuale pubblicato un po’ prima, si era poi arrivati fino ai primi di settembre. Speriamo in un rinvio.

Ci sono due novità clamorose.

La prima. È stata prevista una tabella con l’elenco delle voci escluse dal limite dell’anno 2016. Si potrebbe dire: finalmente! Poi pensiamoci: e se un ente ha ritenuto di non attenersi alle indicazioni di qualche Corte dei Conti? E se ora si scopre che in verità quella voce poteva essere sia inclusa che esclusa dal tetto per interpretazioni contrastanti sulla materia?

La seconda. Questa è tremenda. Pronti?
La Tabella 15 del conto annuale ci sarà anche per il Segretario comunale! Questo significa che anche l’accessorio del Segretario, come alcune delibere della Corte dei Conti hanno in verità già sostenuto, entrerà ufficialmente a far parte del limite dell’anno 2016. La cosa strana è che andrà ricompresa anche la retribuzione di posizione, l’eventuale maggiorazione, la retribuzione di risultato, il galleggiamento e… l’indennità di convenzione. Per alcuni enti, questo sarà un bel problema: basti infatti pensare al caso di chi nel 2016 aveva un segretario a scavalco o in convenzione con bassa percentuale e, invece, nel 2020 titolare di sede o con convenzione con percentuale più alta. Il superamento del vincolo è scontato.

Cosa accadrà ora? Dovremo rivedere il limite 2016? E se poi si scopre che non l’abbiamo rispettato?
Belle domande. La Circolare sembra dire: fatevi eventualmente giustificare le incongruenze dai Revisori dei conti. Ok, e poi? Per gli anni precedenti? Cosa ne penserà la Corte dei conti, ad esempio, se si rileva uno sforamento del limite a causa dell’accessorio del Segretario comunale? Mica si può applicare l’art. 4 del dl. 16/2014 che prevede il recupero sul fondo (dei dipendenti!) dell’anno successivo…

Sono davvero curioso di vedere come andrà a finire. Fatemi sapere. Magari i tecnici della RGS ci daranno qualche spiegazione in più. Io di soluzioni non ne ho.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15 − 1 =