Personale News – Numero 2/2011

Editoriale, di Gianluca Bertagna

Non ci sono più scuse. Il momento di giungere alla costituzione del fondo delle risorse decentrate per il 2011 non può più essere rimandato.

Fino a qualche settimana fa eravamo in attesa di importanti chiarimenti da parte della Corte dei conti. Ora sono arrivati conla Deliberazionen. 51/2011. La questione più discussa, ovvero l’inclusione o meno nel blocco dell’art. 9 comma 2bis del Dl n. 78/2010 dei compensi correlati a specifiche disposizione di legge, è stata ora risolta. Almeno dai giudici contabili.

Probabilmente nessuno avrebbe scommesso sul risultato dell’interpretazione, ma così è. Quindi: solamente le progettazioni interne e i compensi per l’avvocatura sono fuori dai vincoli della manovra estiva dello scorso anno.

Certo, l’analisi si può criticare e contrastare. In ogni caso, che si segua o meno il consiglio della Corte dei conti, è il momento di costituire il fondo.

In questo numero di Personale News troverete quindi alcuni approfondimenti su tali tematiche nonché una bozza di determinazione per la quantificazione delle risorse decentrate per l’anno in corso.

L’invito è anche quello di procedere nel più breve termine a convocare le parti per le fasi della contrattazione integrativa.

 

DI SEGUITO IL SOMMARIO COMPLETO DEL NUMERO 2/2011 DI PERSONALE NEWS

Il fondo delle risorse decentrate del 2011. Considerazioni e Determina di costituzione.

I piani di razionalizzazione (PDR) e i benefici per i fondi delle risorse decentrate
Un primo commento sull’Art. 16 del D.L. 98/2011

La sorveglianza sanitaria. Obblighi del datore di lavoro e del dipendente.

L’arte di programmare. Il completamento della Riforma Brunetta.

I tagli del dl n. 78/2010 e le progressioni

I nuovi termini d’erogazione della c.d. “Liquidazione” (IPS, TFS, TFR, Buonuscita)

News e commenti

Scheda tecnica per la pesatura delle posizioni organizzative

 

ALLEGATO: MODULO ABBONAMENTO PERSONALE NEWS

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × 1 =