Approfondimento: la chiusura dei servizi per neve

Allego di seguito un approfondimento gratuito di Publika in materia di chiusura dei servizi pubblici in caso di neve.

Il maltempo delle scorse settimane ha creato non pochi problemi anche organizzativi nella gestione delle risorse umane degli enti locali. Mario Ferrari ha quindi ritenuto opportuno proporre alcune considerazioni condivise dalla staff di Publika.

ALLEGATO: APPROFONDIMENTO PUBLIKA N. 47 – EMERGENZA NEVE

 Ricordo che nella categoria “Approfondimenti Publika” sono disponibili i precedenti numeri.

Inoltre, per chi non è già inserito nella mailing list e vuole ricevere gli approfondimenti gratuiti direttamente alla propria casella di posta elettronica, può chiedere l’iscrizione all’indirizzo info@publika.it.

Print Friendly, PDF & Email

3 pensieri su “Approfondimento: la chiusura dei servizi per neve

  1. marina belleggia dice:

    Mi risulta che l’INPS ha retribuito l’assenza per la chiusura degli uffici con ordinanza prefettizia, considerandolo un giustificativo di assenza retribuita, con decisione presa dalla direzione centrale e con effetto solo per i dipendenti INPS.
    Mi piacerebbe conoscere le argomentazioni svolte dalla direzione centrale.
    cordialmente
    Marina

  2. ANDREA dice:

    Sinceramente a me questa sembra una tipica questione per cui il solo soffermarsi fa capire perchè l’Italia non funziona…ho letto molto velocemnte gli articoli…certo il diritto prima di tutto…io però uso l’onestà e il buon senso (oltre il confronto con tutti i parenti che lavoro nel privato e tante problematiche neppure se le pongono)…in tutta onestà se non lavoro a me non piace essere pagata, soprattutto se gli uffici sono stati chiusi per forza maggiore…Certo a noi era già capitato un caso simile per alluvione..fortunatamente eravamo arrivati alla Vs. conclusione..se volete venire a lavorare venite pure..ma i privati che si ritrovano a fare le ferie forzate per chiusura ditta durante l’estate che devono dire? Ma onestamente, in tutta coscienza, qualcuno ritiene di dover essere pagato, ovvvero di risparmiarsi un giorno di ferie anche in un giorno in cui non lavora? Se poi invece si fa un discorso per le zone più colpite dalla neve che hanno avuti problemi ben maggiori penso che si possa risolvere la questione a livello di ente senza farne un caso nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque + 8 =