Dove c’è ancora il blocco alle assunzioni…

Nelle Regioni in cui non vi è stato ancora il via libera alle assunzioni (si veda a tal proposito la Nota della Funzione Pubblica n. 37870/2016)  permangono gli orientamenti ormai consolidati:

Quest’ultima, conclude, secondo me correttamente, nel seguente modo:

Impregiudicata la possibilità del cumulo dei resti assunzionali per il triennio 2013-2014-2015, le cessazioni intervenute nel biennio 2012-2013, che determinano la capacità assunzionale del 2013 e del 2014, non soggiacciono alle limitazioni introdotte dal citato comma 424 e possono essere liberamente utilizzate nel 2016. Esse costituiscono il primo biennio del periodo 2012-2014, che, in virtù della novella apportata dall’art. 4, comma 3, del decreto legge 78/2015, determina il budget delle assunzioni effettuabili nel 2016 (unitamente a quello derivante da cessazioni dello stesso 2015).

Diversamente, sempre nel 2016, i resti derivanti da cessazioni del 2014, costituenti il budget assunzionale del 2015, sono vincolati a garantire il riassorbimento di personale degli enti di area vasta (in tal senso la Sezione si è già espressa con deliberazione del 27 aprile 2016, n. 127). 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nove − sette =