Ancora sulle assunzioni della polizia locale

Parliamo di assunzioni nella polizia locale. La Corte dei Conti della Lombardia, nella deliberazione n. 83/2019/PAR ha affermato che, “se da un lato l’articolo 35-bis del decreto legge 113/2018, amplia le facoltà di assunzione in termini di budget per il personale di polizia municipale, facendo riferimento alla spesa sostenuta nel 2016, non per questo interviene a modificare i criteri di fondo individuati per il calcolo dei risparmi di spesa e dunque non modifica le linee di principio consolidate di interpretazione che disciplinano il rapporto tra mobilità volontaria e limiti delle facoltà assunzionali, nell’ambito del più ampio quadro degli equilibri di finanza pubblica. Il fatto poi che tale budget sia espresso in termini di valore assoluto di spesa (2016) e non di percentuale di turn over (nella fattispecie di fatto sarebbe il 100% rispetto al 2016), non implica che vengano a modificarsi i criteri di definizione del turn over stesso e in definitiva il significato ormai consolidato di cessazioni dal servizio ai fini del coordinamento e del rispetto degli obiettivi di finanza pubblica”.

Detto in altre parole: se un dipendente “cessa” per mobilità comunque non si può assumere tramite concorso, nonostante la deroga contenuta nel d.l. 113/2018. Questa interpretazione mi sembra eccessiva, tanto da portarmi a chiedere: ma allora a cosa serve questa norma? Ho provato a fare e rifare ragionamenti, ipotesi e calcoli, ma non ne vengo fuori. Come faccio in questi casi, provo a sintetizzare partendo da questa constatazione: se la mia spesa della polizia nel 2019 è pari o più alta rispetto a quella del 2016, della deroga non me ne faccio niente. E questo è pacifico. Quindi, io potrei utilizzare la norma solo se la mia spesa del 2019 è più bassa di quella del 2016. Quali sono i casi per i quali una spesa di personale si abbassa? Beh, mi vien da pensare: cessazione del rapporto di lavoro, mobilità e trasformazione da tempo pieno a tempo parziale.

La norma, quindi, mi sembrava che dicesse che, anziché usare le normali regole della capacità assunzionale, potevo far riferimento a quel tetto di spesa 2016 e saturarlo con nuove assunzioni. La Corte dei Conti della Lombardia, però, mi dice che se il calo della spesa è stato dovuto da procedure di mobilità in uscita, allora il gap si può riempire solo con altre mobilità.

Bene, mi arrendo, ma a questo punto si abbia anche il coraggio di dire che la norma non serve proprio a niente!

Mio malgrado, mi vedo quasi costretto a sperare che qualche altra sezione regionale della Corte dei Conti  la pensi diversamente, per arrivare alle Autonomie… peccato che poi ci arriveremo a fine anno. E la deroga vale solo per il 2019.

Partita chiusa. Si va a capo.

Print Friendly, PDF & Email

Un pensiero su “Ancora sulle assunzioni della polizia locale

  1. davide dice:

    io dico che però prima di chiedere qualcosa alla corte bisogna pensarci 100 volte, se la lettera della norma non lo richiede!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *