L’incremento orario del dipendente a part-time

Sull’incremento di orario del rapporto di lavoro di chi è stato assunto a part-time ho già parlato diverse volte. Potete trovare quello che penso a questo link: https://www.gianlucabertagna.it/2012/03/07/ancora-sulla-trasformazione-del-part-time/.

La cosa curiosa è che iniziavo quel post in questo modo:

Condivido al 100%, nonostante le Deliberazioni contrastanti, le osservazioni della Corte dei conti Sez. Lombardia in materia di trasformazione del part-time.
 
La Deliberazione n. 51/2012 riassume così la questione:
.. l’aumento delle ore lavorative del personale in servizio è sicuramente assimilabile ad una nuova assunzione nel caso in cui il dipendente era stato assunto a tempo parziale …
“Al contrario, si dovrebbe pervenire alla conclusione che la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo parziale a tempo pieno non è assimilabile a nuova assunzione, nel caso in cui i dipendenti siano stati assunti originariamente a tempo pieno e abbiano successivamente avuto una riduzione dell’orario di lavoro…”.
 
 
Vorrei però segnalare che la Corte dei conti della Lombardia ha cambiato idea.
Nella recentissima deliberazione n. 462/2012  torna su questo argomento su richiesta del Comune di Tremenico che intende aumentare le ore lavorative di un dipendente assunto a tempo indeterminato con contratto a tempo parziale da 24 ore a 30 ore settimanali.

La Sezione, preliminarmente:

– dà atto dei precedenti e non uniformi pareri espressi in merito da diverse sezioni regionali;

– premette l’irrilevanza dell’operazione prospettata ai fini dell’applicazione dell’art. 9, comma 1, del d.l. 78/2010, convertito in legge n. 122/2010;

– rammenta che l’aumento di spesa derivante va conteggiato nelle spese di personale ai fini del rispetto dei vincoli imposti dall’art. 1, comma 562 (o 557) della legge n. 296/2006;

– richiama il disposto dell’art. 3, comma 101, della legge n. 244/2008 (Finanziaria 2008), relativo alla trasformazione del rapporto di lavoro a tempo pieno;

– riprende  i contenuti della circolare del Dipartimento per la Funzione Pubblica (d’intesa con la Ragioneria Generale dello Stato) n. 46078/2010 del 18.10.2010 che sembra equiparare l’incremento orario alla trasformazione a tempo pieno e, quindi, a nuova assunzione;

quindi, formula il proprio avviso come segue:

“… in attesa di un auspicabile chiarimento a livello normativo, prendendo atto delle interpretazioni sopra riportate, appare plausibile la limitazione del disposto di cui all’art. 1 comma 101 della LF n. 244/2007 al solo caso, specificamente previsto dalla norma, della trasformazione del rapporto di lavoro da tempo parziale a tempo pieno, non invece al mero incremento di ore (salvo i casi di fattispecie potenzialmente elusive della lettera e dello spirito della norma)”.

E’ un mondo sempre più difficile.

Print Friendly, PDF & Email

4 pensieri su “L’incremento orario del dipendente a part-time

  1. Benny dice:

    Salve,desideravo sapere se per l’ incremento all’ orario di lavoro,il dipendentemente è obbligato a firmare e se la stessa firma debba essere apposta durante l’ orario di lavoro con un permesso non retribuito o dopo avere cessato il rapporto di lavoro giornaliero. Certo di una vostra immediata delucidazione (cortesemente anche nella mia E-mail)porgo distinti saluti!!

  2. Claudio dice:

    Salve esiste la possibilità di scrivere direttamente alla direzione del proprio posto di lavoro, senza passare per i diretti responsabili, facente auto richiesta di poter ottenere una modica del proprio orario da 24 a 30…visto che sono 10 anni che mi tengono così solo

  3. Claudio dice:

    Salve esiste la possibilità di scrivere direttamente alla direzione del proprio posto di lavoro, senza passare per i diretti responsabili, facente auto richiesta di poter ottenere una modica del proprio orario da 24 a 30…visto che sono 10 anni che mi tengono così solofa 10 anni solo perché assunto come categoria protetta

  4. Claudio dice:

    Salve esiste la possibilità di scrivere direttamente alla direzione del proprio posto di lavoro, senza passare per i diretti responsabili, facente auto richiesta di poter ottenere una modica del proprio orario da 24 a 30…visto che sono 10 anni che mi tengono così solofa 10 anni solo perché assunto come categoria protetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11 + 2 =