Tipo

La professoressa di italiano di mio figlio, non vuole, giustamente, che i ragazzi utilizzino, nei temi e nelle interrogazioni, la parola “tipo”. Tipo: “La Provvidenza, nel Manzoni, è una cosa… tipo…”. Io penso che la professoressa sia proprio il mio tipo. Infatti, quel tipo di frasi lasciate in sospeso, non hanno alcuna finalità, se non quella di interrompere un discorso. Si potrebbero ben sostituire con una parola, tipo: “esempio” oppure con una frase, del tipo: “provo a spiegarmi con altre parole”. Fatto sta che, mentre perdiamo tempo con questo tipo di cose, il tipo, intanto, ha lasciato la sua ragazza, perché, ovviamente, non era il suo tipo. Nel frattempo, mia mamma, è andata al mercato e, al banco delle verdure, le hanno chiesto: “che tipo di pomodori preferisce”. Mio papà, che indossa una giacca dell’ultimo tipo, è il classico tipo di uomini che aspetta la moglie sull’automobile; è proprio un bel tipo! Nell’attesa, lancia una moneta per vedere se cade testa o croce, ma il tipo inciso non era molto chiaro. Certo che ora è difficile finire questa storia tipo. Vediamo… potremmo finirla… tipo…

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette + quindici =