Musica a tavola

Spesso le coincidenze accadono attorno ad un tavolo. Qualche mese fa, stavamo programmando la nuova rivista Tributi News e, come spesso accade, gli incontri di lavoro finiscono a pranzo. In quattro ci accomodiamo nell’ottimo ristorante di Mantova “Ochina Bianca” (da non perdere http://www.ochinabianca.it/). Banditi gli argomenti lavorativi, si chiacchiera del più e del meno. Improvvisamente, scopriamo che tutti e quattro siamo musicisti, ma sarebbe meglio dire: suoniamo uno strumento. Ricapitoliamo.

Io, il peggio dei quattro, so fare qualche accordo con la chitarra. Ho imparato da solo quando facevo l’università. Mi concedevo un quarto d’ora per ogni ora di studio. Ho all’attivo una musicassetta con Silvio. Io suonavo, lui cantava, imitando, i grandi classici: Lucio Dalla, Bobby Solo, Angelo Branduardi, Adriano Celentano, Julio Iglesias. È del 1993, più di vent’anni fa. Eravamo persino riusciti a venderle a 5.000 lire l’una. Un bel pezzo di storia.

Giuseppe Debenedetto, il direttore di Tributi News, suona il clarinetto. Io non l’ho mai sentito ma dice di avere orecchio, anche se sarebbe meglio dire “naso”. In famiglia, però, il più famoso musicista non è lui. Infatti, ha un fratello, Paolo, che è ai massimi livelli con il sax (https://www.facebook.com/paolo.debenedetto.9). Tra il reportorio di Giuseppe, è annoverato un memorabile duetto canoro insieme ad Augusto Sacchi, in un ameno rifugio di montagna.

Marco Paini, il capo di Publika, suona la chitarra. Anche lui da tanto tempo. Diciamo fine superiori, inizio università. Ha sempre avuto delle belle chitarre. Se non belle, almeno, strane. Non ha all’attivo (che io sappia) dei cd, però vanta una infinità di ore passate ad insegnare chitarra a tante persone del paese. Insieme ad Andrea Zentilini, avremmo scritto, tempo fa, una canzone, mentre mi spiegava il cogito ergo sum di Cartesio. Suona anche la batteria.

Marco Allegretti, collaboratore di Publika e di Tributi News. Anche lui suona la chitarra, ma in questo caso, da professionista. Proprio questa mattina mi è arrivato il cd del gruppo rock in cui suona. Si chiamano Sui Generis Rock Band (https://www.facebook.com/suigenerisrockband). Alle sette me li sono ascoltati, in mezzo alla nebbia. Davvero non male. Mi hanno ricordato, da subito, i Timoria.

Eccoci qua. Quattro amici al ristorante. Con la musica in comune.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Un pensiero su “Musica a tavola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × 5 =