Sereno Natale e Buon 2023!

Abitare poeticamente il mondo si oppone ad abitarlo tecnicamente. Sono parole di Christian Bobin, il mio autore preferito, morto il 25 novembre scorso.

Mi hanno colpito per la ferocia di quel “oppone”. E pensare a quanto tecnicamente vivo è chiaro che anche mi incuriosiscono per quel “poeticamente”.

Se penso alle parole che più ho usato nell’ultimo anno ci sono sicuramente: contratto, limite, calcolo, vincolo, spazio, manovra, file, modello, atto, mail, quesito, documento…

Cosa c’è di più tecnico di tutto questo? Assorbito da mattina a sera in un vortice di tecnicismi mi trovo a fine anno inchiodato a questo contrasto con la poesia della vita.

Il vivere tecnico e il vivere poetico. Opposti. Inconciliabili.

È davvero così? Vorrei poter parlare con Bobin e dirgli che forse ha un po’ esagerato. Che si può trovare una via di mezzo. O almeno ci si può provare. Che anche in quello che facciamo di più tecnico la passione può portare un po’ di luce. Vorrei capire cosa mi potrebbe rispondere.

E arrivo velocemente agli auguri: lascio la questione in sospeso. Non come domanda, ma come desiderio. Per me e per tutti voi. Proviamoci. Che quella poesia, che non è altro il più umano che c’è in noi, possa di tanto in tanto emergere per regalarci un sospiro ed un sorriso.

Buon Natale e Buon 2023!

Print Friendly, PDF & Email

Un pensiero su “Sereno Natale e Buon 2023!

  1. Gianfranco dice:

    Egr Prof Buon Natale a Lei ed ai suoi cari. Le auguro tanti momenti di poesia che illuminino i momenti di vita tecnica
    Buon Natale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 + sei =