Lo zaino

Lo zaino (Un tuffo nel passato)

Non bastava il diario per sembrare “anomalo”. Un punto di stravaganza lo ha avuto anche il mio zaino. Niente di che, comunque. Una sacca di tela color verde militare. Cose da campeggio o da campo scuola per intenderci.

Era stato acquistato l’estate precedente all’inizio delle superiori in un negozietto di Peschiera del Garda. Mi pare avessimo speso ben cinquemila lire.

Non era larghissimo ed infatti non tutti i libri ci stavano alla perfezione. Alcuni uscivano ed arrivavano a scuola umidicci soprattutto nelle giornate autunnali. Cosa forse peggiore, lo zaino, mancava di cerniera o spago per la chiusura nella parte alta. Spesso l’astuccio, le penne ed i quaderni giravano sotto i piedi dei compagni sulla corriera. A volte non tornavano nemmeno a casa.

Lo zaino è durato fino in quarta superiore. Ricordo il solito professor C. che una volta mi riprese: senti Bertagna, ma dove vai con quello zaino?! Tra poco sarai un diplomato e dovrai andare a colloqui di lavoro e ti presenti con quella borsa da agricoltore?! Vabbè, ormai mi ci ero abituato a queste osservazioni e alle risate dei compagni.

Forse per questo o forse chissà perché, in quinta mi dotai di un Invicta. Modello di almeno quattro anni prima, cioè quello che avrei dovuto comprarmi fin dall’inizio. Ma pazienza. Almeno il marchio c’era. La funzionalità era identica a quello di prima, ma vai a capire te la gente!

Non ci ho mai scarabocchiato sullo zaino. Eppure andavo matto per gli zaini tutti riempiti dei nomi dei beniamini, dei testi delle canzoni e delle frasi degli amici. Tante volte avrei voluto scriverci su “U2” o qualche loro frase particolarmente interessante. Invece no. Prendeva il sopravvento l’idea del “non sbagliare” e quindi gli zaini sono rimasti indenni a tutto ciò.

In compenso mi sono rifatto qualche anno più tardi. Durante l’interrail in Inghilterra e Irlanda, nella cittadina di Bath, mi sono sfogato per tutti quegli anni di silenzio sui miei jeans: ancora li conservo pieni di scarabocchi, simboli, miti, date e testi di canzoni.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

otto − 7 =