Green Day

Giovedì sera ho accompagnato Lorenzo e Matteo al concerto dei Green Day a Bologna. Sì, lo so. Sembra che quest’anno vada tutte le settimane a vedermi qualcosa dal vivo. Non è così, ma in effetti sto recuperando almeno dieci anni di mia assenza sotto il palco dei musicisti.
I Green Day mi sono piaciuti tantissimo. Due ore e mezza di concerto, sempre in piedi a ballare e cantare a squarciagola. Anche i miei “accompagnati” accennavano le parole sottovoce: al primo concerto non si sa bene ancora come funzioni. Li ho visti un po’ timidi, ma presi dalle emozioni.
I ragazzi sul palco hanno trascinato il pubblico, con le loro canzoni più famose, ma anche con le novità degli ultimi anni. Imperdibile la sequenza: Oh Love, Holiday, Boulevard of Broken Dreams, Stray Heart. L’avrei ascoltata, cantata e ballata almeno dieci volte di fila!
Fenomenali Basket Case e Minority. Trascinante Jesus of Superbia.
La voce di Billie Joe mi piace tantissimo; l’ultima canzone è stata un assolo con la chitarra.
Due annotazioni conclusive.
– L’unico neo è stata l’assenza di “21 Guns” nella scaletta, canzone che mi riporta ad un viaggio indimenticabile della mia vita.
– Siamo certi che sia stato io ad accompagnare i bambini al concerto e non viceversa?
 
 
 
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × quattro =