Un dialogo

–         Vai tu o vado io?

–         Non so, per me è la prima volta con sti cosi.

–         Anche per me.

–         Ma c’è sempre una prima volta

–         Allora vado io

–         Ma come funziona secondo te?

–         Boh, adesso provo. Mi pare che gli altri lo facciano da seduti.

–         Oppure coricati.

–         Si, ma coricati a pancia in su o giù?

–         Secondo me guardando in alto.

–         Ah, ok. Però quasi quasi lo faccio seduto. Non voglio esagerare.

–         Si appunto.

–         Quale prendo?

–         Quello lì mi sembra più sicuro… e anche più bello.

–         Ma se è uguale! Secondo me uno o l’altro non cambia.

–         Allora fa come vuoi, tanto vai tu per primo

–         Si, ma a te è finita la fantasia mi sembra.

–         Non ne ho mai avuta tanto a dire il vero, cose standard ho sempre fatto.

–         E se non ce la faccio?

–         Vuol dire che non hai più coraggio.

–         E se mi faccio male?

–         Vuol dire che era giusto così.

–         E se non arrivo fino in fondo?

–         Vuol dire che lasci le cose a metà

–         E se mi viene da urlare?

–         Urla.

–         E se mi viene paura?

–         Oh, ascolta, vuoi che vada io?

–         No, va bene. Ora parto.

 Dialogo tra due vecchietti alla partenza dello scivolo in piscina.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

8 − uno =