007, missione mortale, missione portale

Il mio nome è Desk, Help Desk.

Sono lo 007 (con licenza d’uccidere) dell’incontro tra offerta e domanda di mobilità. Ho un sistema tutto mio. Mi chiamano portale, implementato per gestire la ricollocazione dei dipendenti in esubero delle province e delle città metropolitane. Ultimamente, dopo l’ennesima fuga con inseguimento, mi hanno inviato, in soccorso, anche i dipendenti della Croce Rossa Italiana. Io ce la metto tutta, ma incrociare un profilo professionale “militare” con un “assistente sociale” è mission impossible. Io sono Desk; Help Desk, mica Tom Cruise.

Alla mezzanotte del 12 febbraio 2016, mi hanno chiuso. In rottamazione, credo, perché non ho mai funzionato benissimo. All’inizio lavoravo a tempo parziale, perché le attività che riuscivo a gestire non erano complete. Poi sono arrivati i giorni del black out totale e per la prima volta ho pensato al pensionamento anticipato, che forse mi avrebbero concesso nonostante non avessi ancora fornito alcun contributo.

Mio padre, misteriosamente codificato con DM14092015, aveva previsto dei tempi di gestazione, che, non sono stati rispettati. E così, da novembre scorso, ho iniziato a funzionare a giorni alterni. Dal video, mi facevo certe sghignazzate, guardando le reazioni disperate dei poveri operatori degli enti locali, che con tutta la buona volontà provavano a contattarmi…

Io non rispondevo, neppure alle domande più insistenti. La più classica era: “Ci spiegate come funziona questo portale?”. Ma mi sembrava una domanda non tanto importante, almeno così, i miei creatori, mi avevano detto.

Intanto, la missione di salvare la varia umanità di province e città metropolitane proseguiva e fonti certe dicevano che, senza ancora il funzionamento del portale, gli esuberi erano scesi da 20.000 e poco più di 2.000. Il classico “miracolo all’italiana!”

Mi sono rimboccato le maniche, e solamente una decina di giorni prima della chiusura del sistema, ho iniziato a dare delle risposte. Non erano esattamente quelle che mio padre, il saggio DM, aveva inserito nel mio DNA, ma la mia missione è anche quella di tenere un po’ tutti sulle spine. Sapete, come siamo fatti, noi 007. È sempre una storia che va a finire bene, ma serve un po’ di suspense, evidentemente.

Quindi, per adesso, chiudo un po’ i battenti e ci rivediamo tra qualche settimana. Ferie meritate. Spero vogliate, nel frattempo, perdonarmi per essermi sempre firmato “Help Desk”: in missione, lavoro in incognito.

Print Friendly, PDF & Email

2 pensieri su “007, missione mortale, missione portale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 − 3 =