Mazinga Z Infinity

A vedere Mazinga Z Infinity al cinema eravamo in dieci. Mio figlio, di otto anni e altri nove di un’età (in)definita dai 45 ai 55 anni. Il fuori luogo, ovviamente, era il piccolo Paolo. Sgomberiamo ogni dubbio: questo film è per nostalgici e fa leva su quella sensazione diffusa per la quale l’uomo (umanità), ogni tanto vuole provare a rivivere quello che ha vissuto da bambino: che sia un cibo, un panorama, un viaggio o un cartone animato non conta. Tornare indietro nel tempo è uno sport che di tanto in tanto viene praticato. Io penso, che quando porta con sé emozioni positive, debba essere praticato. Allora, la domanda è: cosa ci faceva lì in mezzo alla folla retrò mio figlio di otto anni? Niente, mi spiegava i dettagli tecnici di Mazinga in quanto grande esperto dopo aver visionato tutte le puntate dai cinque ai sei anni. “Colpa” mia o di mio padre, ma si è divorato tutta la serie.infi

Veniamo agli appunti. Mazinga non era il mio robot preferito. Amavo di più Goldrake. Tra i vari pensieri di ieri, durante la proiezione, c’era la riflessione sul desiderio che avevo, da piccolo, di vedere le trasformazioni, cioè quelle fasi in cui i robot si compongono. Più erano complicate e più stavo incollato allo schermo aspettando che lo rifacessero. Quella di Daitarn 3 era fenomenale, ma anche Jeeg non scherzava; Actarus che si gettava per la botola per andare a pilotare Goldrake l’avrò imitato all’infinito. Allora, ieri, pensavo che per volare ci bastava poco. Occhi incantati su questi meccanismi che al giorno d’oggi sembrano scontati, ovvi, superati. Ma per noi erano sogni.

Andava apprezzato anche un altro aspetto di queste serie: la capacità di delineare i personaggi cattivi. Ci veniva spiegato perchè volevano conquistare la terra, quali erano i loro credo, cosa avrebbero fatto dopo, mettendo in luce anche aspetti negativi e contrastanti.

E poi, ieri, finalmente, ho visto realizzarsi una cosa che non mi ero mai spiegato. Cioè: perché i mostri nemici, anziché attaccare tutti insieme a fine mese, attaccavano i nostri beniamini una puntata alla volta? Sarebbe bastato aspettare un po’ per sferzare un epico attacco e distruggere la terra. E invece no, si ostinavo a fare un assalto a puntata. Ci credo che poi perdevano.

In Mazinga Z Infinity, invece, accade davvero quello che ho sempre desiderato: uno contro tutti. E indovinate: vince Mazinga lo stesso! con commento finale di mio figlio: “Che burdel che l’ha fat ső!” (che casino che ha fatto!).

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici − 10 =