Un asteroide in famiglia

E parliamo un po’ di questa pubblicità del Buondì Motta. Mi sono divertito a vederla. L’asteroide che precipita sulla mamma (e poi anche sul papà, che più che un padre sembra uno sfigato Alberto Angela che presenta un evento scientifico) è una soluzione visiva simpatica, che fa ridere, un po’ come gli sketch di Tom […]

Soldi

In questi giorni si parla tanto di soldi. Di quelli di Neymar e di suo padre. Del fondatore di Amazon che è stato l’uomo più ricco del mondo per pochissime ore ripassando subito il trono a Bill Gates. Del matrimonio di Messi e della richiesta agli invitati di fare una donazione all’edilizia popolare in Argentina. […]

Lo svuotamento

Qualche sera fa è partito l’aggiornamento di WhatsApp. Come faccio sempre in questi casi, mi sono rivolto ai miei figli: “cosa è cambiato?”. Loro: “Lo hanno fatto diventare come Instagram, Facebook, … “ e altri nomi a me incomprensibili. “Sarebbe?”. “Che puoi mettere ogni istante della tua giornata come stato così la gente vede quello […]

Parole Ostili

A Trieste, in questi giorni, si è svolto un evento con il titolo di Parole Ostili – La ferita provocata da una parola non guarisce. (http://www.paroleostili.com/). Mi sarebbe piaciuto parteciparvi, ma l’ho scoperto troppo tardi ed è un periodo dei più incasinati. E’ stato elaborato un Manifesto della Comunicazione non ostile che riporto di seguito. […]

Il Trekking, l’Appennino e il Pastore

Il weekend scorso sono stato con l’amico Silvio a fare due giornate di trekking sull’Appennino con giri ad anello partendo da Borgo a Tossignano. Gli aspetti logistici e naturalistici sono stati raccontati da lui sul suo blog: http://www.silviobau.it/2016/10/21/insolito-trekking/. Io, raccolgo un pensiero che mi è passato per la testa. Ad un certo punto del cammino, […]

Il controllo del vicinato

In alcune zone del mio paese sono comparsi dei cartelli che indicano che si sta entrando in una zona di controllo del vicinato. In poche parole, gli abitanti di una determinata area, fanno squadra per comunicare attraverso i social (facebook, whatsapp, twitter, ecc.) la presenza di situazioni a rischio per la sicurezza pubblica. Faccio due […]

Tipo

La professoressa di italiano di mio figlio, non vuole, giustamente, che i ragazzi utilizzino, nei temi e nelle interrogazioni, la parola “tipo”. Tipo: “La Provvidenza, nel Manzoni, è una cosa… tipo…”. Io penso che la professoressa sia proprio il mio tipo. Infatti, quel tipo di frasi lasciate in sospeso, non hanno alcuna finalità, se non […]